Monday, 10 January 2011

L'importanza di una identita' anagrafica


Siamo madri e posso assicurare assai stufe di essere trattate come se non lo fossimo. Siamo madri i cui figli sono morti, non e' che non sono mai esisti.
I nostri figli hanno un nome, un cognome, un peso e una data e un'ora di nascita e volendo anche una carta del cielo, se fosse che non se ne faranno di nulla in questa vita. Hanno un segno zodiacale, hanno lasciato dietro delle foto e sono vissuti, poco, il piu' delle volte solo nelle nostre pance, ma sono vissuti e sempre vivranno nei nostri cuori e in quello che grazie a loro siamo diventate. Non e' qualcosa da cui dobbiamo voltare pagina. Ne' una brutta esperienza da cui ci si riprende. 
E noi abbiamo lo stesso orgoglio materno di qualunque altra madre, solo che non abbiamo avuto di lusso di poter sfrantumare la minchia a chiunque con il colore unico della merda del nostro piccino. Non abbiamo avuto il tempo di mostrare a giro a cani e porci quanto fosse eccezionale e meraviglioso (anche perche' il piu' delle volte nessuno ce lo ha chiesto) e non potremo mai dire a nessuno che e' il primo della classe o, ammesso e non concesso, fosse stato duro come una pina verde, il migliore della squadra di cricket.
Io da parte mia anche a questo giro ho fatto in modo di non levarmi da questo mondo e ho un paio di scarpe fucsia con il tacco del 12 che farebbero impallidire Carrie Bradshaw e che celebrano l'appena citato successo.
Tanto per non far nascere inutili seghe mentali nei miei lettori abituali (ho gia' in mente un paio di persone che potrebbero iniziare a fare il mea culpa senza assolutamente averne motivo), questo post non e' riferito a NESSUNO di voi che anzi siete tutti assai speciali (almeno chi in questi mesi mi ha contattato privatamente per dirmi che mi legge). E' solo che ogni tanto mi si tappa la vena e vorrei che la gente imparasse a convivere con il dolore altrui senza dire cazzate/luoghi comuni/frasi fatte e soprattutto dare consigli non richiesti e soluzioni preconfezionate buone per ben altri tipi di dolori.
Stare zitti e ascoltate e' una abilita' in via di estinzione!

No comments:

Post a comment